Eventi

Il sistema di qualità del vino in Spagna

Il sistema di qualità Spagnolo, che prende il nome di Denominación de Origen (Denominazione d’Origine), abbreviato con DO, fu introdotto nel paese nel 1932 e rivisto e modificato nel 1970. L’ente certificatore è l’INDO, Instituto Nacional de Denominaciones de Origen (Istituto Nazionale delle Denominazioni d’Origine) con sede a Madrid. Il sistema presenta similitudini con gli analoghi sistemi Francese (AOC) e Italiano (DOC), prevedendo zone delimitate di produzione, pratiche di coltivazione e di produzione vinicola, rese per ettaro, tempi minimi di maturazione prima di potere essere immessi nel mercato, oltre a indicazioni specifiche sull’etichettatura.

Circa il 50% della produzione Spagnola è ascritta alla categoria DO e ognuna di queste è controllata da un Consejo Regulador che ha il compito di verificare le procedure di produzione oltre a valutare ogni singolo vino con lo scopo di accertare i giusti requisiti di appartenenza.

Le categorie di qualità per i vini Spagnoli si dividono in:

  • Vino de Mesa, VdM – Vino da Tavola prodotto con uve coltivate in diverse regioni del paese
  • Vino de la Tierra, VdlT – Vino prodotto in una zona determinata, in genere più estesa delle DO. Equivale, in termini generali, all’IGT (Indicazione Geografica Tipica) dell’Italia o ai Vin de Pays Francesi
  • Denominación de Origen, DO – Vino prodotto in una regione a denominazione di origine e regolato da specifiche leggi
  • Denominación de Origen Calificada, DOCa – (Denominazione d’Origine Qualificata) Vino prodotto in una regione di denominazione d’origine di alta qualità. Rappresenta il livello più alto del sistema Spagnolo ed è stato introdotto nel 1991. Attualmente solo la regione della Rioja appartiene a questa categoria

Nelle etichette dei vini rossi si trovano spesso delle indicazioni, che in accordo alle leggi vinicole della Spagna, indicano il periodo di affinamento subito dal vino prima di essere immesso nel mercato. L’affinamento può essere stato svolto in contenitori di legno o acciaio oppure in bottiglia.

  • Joven – Vino giovane in genere affinato per circa un anno
  • Crianza – Per i vini rossi, vino con almeno due anni di cui almeno uno in botte. Per i vini bianchi o rosati, affinamento per almeno sei mesi in botte. La dicitura Crianza è in genere regolata dalle singole DO che ne prevedono le modalità di affinamento. La dicitura Sin Crianza riportata in etichetta indica un vino che non ha ricevuto un periodo minimo di affinamento ed è stato quindi imbottigliato giovane
  • Reserva – Indica i vini di qualità prodotti in particolari e favorevoli annate. Per i rossi, indica un vino che ha subito un affinamento di almeno tre anni di cui, almeno uno, in botte. Quando è riferito ai vini bianchi o rosati, indica un periodo di affinamento di almeno due anni di cui almeno sei mesi in botte
  • Gran Reserva – Vini di qualità prodotti in particolari e favorevoli annate. Per i vini rossi, indica un affinamento minimo di cinque anni di cui almeno due in botte. Quando è riferito a vini bianchi o rosati, indica un periodo di affinamento di almeno quattro anni di cui almeno sei mesi in botte.

Fonte: DiWineTaste

Informazioni su La Fillossera ()
(Graziana + Giovanni) * Innesti di vino e cultura= La Fillossera. Degustazioni, racconti, viaggi, eventi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: