Eventi

Verticale Ca’ del Baio

Asili è un cru storico nella zona di Barbaresco, tecnicamente si tratta di una Menzione Geografica Aggiuntiva. Reso famoso dai fratelli Ceretto, oggi è considerato uno dei luoghi di elezione per la coltivazione del Nebbiolo e la produzione del Barbaresco. 

L’azienda Ca’ del Baio maneggia 28 ettari di proprietà vitata, divisi tra Barbaresco e Treiso. Nell’ambito della Menzione Asili, conduce in proprietà 2.5 ettari di vigneti a Nebbiolo, con esposizione Sud-Ovest. La vinificazione delle uve di questi vigneti dà origine a due vini: Barbaresco Docg Asili e Barbaresco Docg Riserva Asili.

L’azienda si declina oggi al femminile con l’ultima generazione. Paola Grasso con competenza e semplicità ci ha accompagnato in una interessante verticale di Barbaresco Asili

2005

Vino complesso che si concede lentamente.  Apre con una foglia di pomodoro e vira verso la radice fresca di liquirizia. Fiori secchi, rabarbaro e un accenno di china lasciano infine il passo al tabacco e al cuoi. In bocca ha un ingresso potente, con un tannino vellutato ma ben presente. Piacevole estensione. 

2008

Le prime note vegetali virano presto verso il sottobosco e la terra bagnata. Emergono spezie dolci, confetto, foglia di tabacco e pepe bianco. Molto equilibrato in bocca, con un tannino setoso e integrato. La mia scelta. 

2010

Predomina la componente floreale, con una violetta appena appassita. La speziatura è delicata con una nota appena accennata di china. In bocca è snello, la componente tannica è  lieve. Nel retronasale ha un ritorno di tabacco. In generale c’è corrispondenza tra naso e bocca per un vino che possiede meno potenza rispetto agli altri, pur mantenendo una sua piacevolezza. 

2011

Vino tutto frutto e molto morbido in bocca. Il meno predisposto all’invecchiamento. 

2012

Violetta, foglia di pomodoro, confettura di frutti rossi e prugne secche. In bocca è verticale, con una piacevole astringenza che predispone al sorso. Buona persistenza. Un vino da bere subito o da lasciare qualche anno in cantina per lasciarlo evolvere ulteriormente. 

Riserva 2012

La seconda riserva del Barbaresco Asili, ha una vinificazione che prevede una piccola parte delle uve (circa il 10%) con macerazione carbonica, macerazione di 60 giorni e un affinamento sia in tonneaux che in clayver. Un vino molto interessante e, a mio avviso, in fase di evoluzione. 

Tutti i vini sono accomunati da una complessità olfattiva e una leggerezza gustativa mai banale. Una interpretazione interessante del Nebbiolo e un Barbaresco che si presta a stare sulla tavola. 

La verticale è stata organizzata da Giuseppe Gentile, responsabile commerciale del gruppo Partesa. 

Informazioni su La Fillossera ()
(Graziana + Giovanni) * Innesti di vino e cultura = La Fillossera. Degustazioni, racconti, viaggi, eventi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: