Eventi

Konstantinos Kavafis e il vino ardito

Non volli lacci. Andai senza riguardi.
Ai piaceri, quelli reali
e quelli che turbinavano nella mia mente
andai nella notte lucente.
E mi dissetai con i vini più gagliardi,
quelli che bevono gli arditi del piacere.

Konstantinos Kavafis è il poeta di Alessandria d’Egitto. Gli occhi grandi dietro gli occhiali neri e tondi. Odiesseo (Ὀδυσσεύς) in eterno viaggio. Oltre ogni ideologia, oltre ogni gabbia convenzionale, eppure sospeso tra colpa e morale cristiana. In lui convivono lo spirito apollineo e quello dionisiaco. È il poeta della nostalgia, del desiderio sensuale, carnale e del mancato possesso del corpo giovanile, efebico. Il  vino che scelgo è il Teroldego di Elisabetta Foradori, vino profondo, caldo, erotico.

 

Informazioni su La Fillossera ()
(Graziana + Giovanni) * Innesti di vino e cultura= La Fillossera. Degustazioni, racconti, viaggi, eventi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: