Eventi

La prima retroetichetta nella storia del vino è ad opera di un italiano: il Conte Giulio della Cremosina

A soli 3 anni dall’invenzione della stampa litografica ecco una delle più antiche etichette italiane di un vino vecchio Nebbiolo della vendemmia 1802 e imbottigliato nel 1806 nella cantina Cremosina (Nizza Monferrato – AT) ad opera del Conte Giulio.
Per la prima volta nella storia viene inserita anche la retroetichetta contenente alcune informazioni sulla vinificazione e le indicazioni di consumo.

nebbiolo
Così leggiamo: “Vino Vecchio Nebbiolo della vendemmia 1802 lasciato diventare amaro. Uve dei vigneti di Val Maggiore e degli Ochetti presso la Vezza, cedute dai Signori Sola, in cambio di nostri Moscati e Brachetti: trasportato dal mezzadro Dionigi e pigiate nella cantina della Cremisina. Dalla Cremisina Nella Settimana Sanat del 1806. Il Conte Giulio”.

E sulla controetichetta: “Chiuso nei litri sotto le feste di Pasqua del 1806 dal nostro cantiniere Michele dopo tre anni di permanenza nelle vascelle di rovere. Vuota adagio: è un vino vecchio e un poco di fondo può averlo. Alla salute!!”.


	
Informazioni su La Fillossera ()
(Graziana + Giovanni) * Innesti di vino e cultura = La Fillossera. Degustazioni, racconti, viaggi, eventi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: